Forma e struttura del Bilancio d’esercizio chiuso al 31 dicembre 2009

Informazioni generali

Il Bilancio consolidato al 31 dicembre 2009 del Gruppo Acea è stato approvato con delibera del Consiglio di amministrazione del 29 marzo 2010. La Capogruppo Acea SpA è una società per azioni italiana, con sede a Roma, piazzale Ostiense 2, e le cui azioni sono negoziate alla borsa di Milano.

I principali settori di attività in cui opera il Gruppo Acea sono descritti nella Relazione sulla gestione.

Conformità agli IAS/IFRS

Il presente Bilancio annuale, redatto su base consolidata, è predisposto in conformità ai princìpi contabili internazionali efficaci alla data di bilancio, approvati dall’International Accounting Standards Board (IASB) e adottati dall’Unione Europea, costituiti dagli International Financial Reporting Standards (IFRS), dagli International Accounting Standards (IAS) e dalle interpretazioni dell’International Financial Reporting Interpretations Committee (IFRIC) e dello Standing Interpretations Committee (SIC),collettivamente indicati IFRS.

Basi di presentazione

Il Bilancio consolidato è costituito dal prospetto della Situazione patrimoniale e finanziaria consolidata, dal prospetto di Conto economico consolidato e dal prospetto di Conto economico complessivo consolidato, dal prospetto del Rendiconto finanziario consolidato e dal prospetto delle variazioni del patrimonio netto consolidato, nonché dalle Note illustrative e integrative, redatte secondo quanto previsto dagli IAS/IFRS vigenti. Si specifica che il Conto economico è classificato in base alla natura dei costi, la Situazione patrimoniale e finanziaria sulla base del criterio di liquidità con suddivisione delle poste tra corrente e non corrente, mentre il Rendiconto finanziario è presentato utilizzando il metodo indiretto. Il Bilancio consolidato è redatto in Euro e tutti i valori sono arrotondati alle migliaia di Euro,tranne quando diversamente indicato. I dati del presente Bilancio consolidato sono comparabili con i medesimi del periodo posto a confronto.

Indicatori alternativi di performance

Di seguito, in linea con la raccomandazione del CESR/05-178b, si illustrano il contenuto e il significato delle misure di risultato non-GAAP e degli altri indicatori alternativi di performance utilizzati nel presente bilancio:

1. il margine operativo lordo rappresenta per il Gruppo Acea un indicatore della performance operativa ed è determinato sommando al risultato operativo gli ammortamenti, accantonamenti e svalutazioni;

2. la posizione finanziaria netta rappresenta un indicatore della struttura finanziaria del Gruppo Acea e si ottiene dalla somma dei debiti e delle passività finanziarie non correnti al netto delle attività finanziarie non correnti (crediti finanziari e titoli diversi da partecipazioni), dei debiti finanziari correnti e delle altre passività correnti al netto delle attività finanziarie correnti e delle disponibilità liquide e mezzi equivalenti;

3. il capitale investito netto è definito come somma delle attività correnti, delle attività non correnti e delle attività e passività destinate alla vendita al netto delle passività correnti e delle passività non correnti, escludendo le voci considerate nella determinazione della posizione finanziaria netta.

Uso di stime

La redazione del Bilancio consolidato, in applicazione agli IFRS, richiede l’effettuazione di stime e assunzioni che hanno effetto sui valori dei ricavi, dei costi, delle attività e delle passività di bilancio e sull’informativa relativa ad attività e passività potenziali alla data di riferimento. I risultati di consuntivo potrebbero differire da tali stime.

Le stime sono utilizzate per rilevare gli accantonamenti per rischi su crediti, per obsolescenza di magazzino, svalutazioni di attivo, benefici ai dipendenti, fair value degli strumenti derivati, imposte e altri accantonamenti e fondi.

Le stime e le assunzioni sono riviste periodicamente e gli effetti di ogni variazione sono riflessi a Conto economico. Si segnala inoltre che taluni processi valutati,in particolare quelli più complessi quali la determinazione di eventuali perdite di valore di attività non correnti, sono generalmente effettuati in modo completo solo in sede di redazione del Bilancio annuale, salvo i casi in cui vi siano indicatori di impairment che richiedano un’immediata valutazioni di eventuali perdite di valore.